Comunicato stampa: Questa e solo questa è la verità dei fatti

Dopo il successo delle ultime elezioni amministrative, la lista Fabriano Progressista, nata attorno alla candidatura di Vinicio Arteconi, aveva scelto di strutturarsi come associazione, per dare più forza e efficacia al suo programma e all’azione dei suoi rappresentanti in Consiglio Comunale.

Nonostante questa visione fosse condivisa praticamente da tutti i componenti della lista elettorale e dai simpatizzanti del gruppo, Mauro e Andrea Giombi decisero di non partecipare alla nascita dell’Associazione, accusando gli altri membri di essere antidemocratici e di propugnare una democrazia di plastica.

Evidentemente, creare una associazione in cui si discutesse insieme la direzione da prendere gli avrebbe impedito di manipolare il gruppo di Fabriano Progressista a vantaggio dell’emergente formazione  Articolo 1 MDP: e allo stesso modo, li avrebbe sicuramente costretti a ridurre la loro ansia di protagonismo, che era esplosa già pochi giorni dopo le elezioni.

I Signori Giombi difatti avevano mostrato tutt’altro che spirito unitario: nei giorni dopo le elezioni, ogni riunione era stata segnata da offese molto pesanti verso chi portava idee diverse dalle loro, e da aperti boicottaggi delle decisioni e delle iniziative che i sostenitori di Fabriano Progressista prendevano in riunioni aperte e democratiche.

Con infinita pazienza abbiamo tollerato le sistematiche esternazioni di Andrea Giombi sui “social” dirette a screditare e delegittimare la persona del candidato-sindaco Vinicio Arteconi e a denigrare le azioni politiche concordate all’interno di FP.

L’elenco di maldicenze è tanto lungo che non vale la pena di farne qui un altro elenco: il punto è che l’atteggiamento di Andrea Giombi è sempre stato, in ogni occasione, mirato a spingere esclusivamente la sua persona e i suoi interessi politici, anche in sede istituzionale, accompagnato da un vittimismo ingiustificato e dal tentativo, davvero scorretto, di servirsi strumentalmente della denominazione di Fabriano Progressista per confonderla con la sua appartenenza ad Articolo Uno, e farsi così propaganda giocando sulla confusione.

Da questo è nata la decisione sofferta, ma unanime, di tutti i membri dell’Associazione, di costituire in seno al Consiglio Comunale, attraverso la persona di Vinicio Arteconi, il Gruppo Consiliare Associazione  Fabriano Progressista  distinto politicamente in modo netto dalla posizione di Andrea Giombi.

Ma tutto ciò non è bastato.

Ed allora va ricostruita la verità di quanto accaduto durante la seduta del Consiglio Comunale di martedì 20 febbraio scorso.

Nel corso della riunione, quando si è dovuta ratificare la formazione del nuovo  Gruppo consiliare, Andrea Giombi ha fatto un intervento duro e offensivo nei confronti del consigliere Vinicio Arteconi “senza censura alcuna” da parte della Presidenza.

Il padre Mauro Giombi, a sua volta, “senza censura alcuna” è riuscito a interrompere i lavori consiliari con una sceneggiata indegna, tanto più in una sede istituzionale.

Si è rivolto al consigliere Arteconi pronunciando espressioni sarcastiche e provocatorie, gli si è avvicinato minaccioso e ha millantato, nonostante la presenza di testimoni oculari, di essere stato colpito dallo stesso con uno schiaffo o addirittura con un pugno al volto, (una differenza tra versioni che la dice lunga sulla realtà dell’accaduto) e avendo tutto il tempo di continuare la sua sceneggiata prima di recarsi in Ospedale.

Questi e solo questi sono i fatti.

L’Associazione Fabriano Progressista esprime tutta la solidarietà e il suo affetto a Vinicio Arteconi, persona assai nota per la sua mitezza e assai stimata per la sua professionalità; l’Associazione lo apprezza per l’impegno civile e politico che profonde al servizio della Città, un impegno ampiamente riconosciuto anche da coloro che militano su tutt’altre sponde.

L’Associazione Fabriano Progressista intende fare politica e partecipare con responsabilità, lealtà e senso del Bene comune alla vita istituzionale, sociale e culturale della Città senza che attacchi squallidi e pretestuosi si accaniscano su chi la rappresenta  nel Consiglio Comunale.

Stupisce in tale contesto il comportamento di chi presiede il consesso comunale e di chi è chiamato a vigilare sul regolare e disciplinato andamento dei lavori consiliari.

Le intemperanze verbali del consigliere Andrea Giombi sono passate inosservate e non sono state minimamente censurate.

È stato tollerato che un privato cittadino, nella specie il Sig. Mauro Giombi, senza freno alcuno e senza essere espulso, abbia potuto aggredire verbalmente un consigliere comunale a causa delle sue scelte politiche e sia riuscito a far sospendere con il suo sguaiato vociare una seduta del Consiglio Comunale.

Nessuno si è scomodato per richiedere al consigliere Arteconi la sua versione dei fatti.

Non va dimenticato poi che l’Assessore alla cultura a fine riunione si è permessa di indirizzare al consigliere Arteconi la richiesta di scuse, non si sa a chi e non si sa perchè, al fine di poter ritornare a casa tranquilla e serena.

Riteniamo che i fatti esposti siano indizi più che sufficienti per evidenziare il clima che si respira nel Consiglio Comunale.

Sconcerta infine la solidarietà acritica e strumentale espressa dal Movimento 5 Stelle nei confronti dei Signori Giombi, padre e figlio. Una solidarietà acritica, astratta e strumentale.

Acritica e astratta poichè ignara dei fatti accaduti ne dà una interpretazione arbitraria gettando benzina sul fuoco acceso.

Strumentale perchè, con tutta evidenza, diretta cripticamente a colpire Vinicio Arteconi, un consigliere della minoranza scomodo, che dà fastidio per le sue prese di posizione sui problemi che angustiano Fabriano, il lavoro, la disoccupazione, il diritto alla salute, la cultura.

Parafrasando un celeberrimo antico detto è proprio il caso di affermare che mentre la Città langue, se non addirittura affonda, c’è qualcuno che gioca su fittizie divisioni e sullo sfascio delle istituzioni.

 

                                                                                                                                                   Associazione Fabriano Progressista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *